Translate

mercoledì 9 agosto 2017

La mafia ammazza d'estate in Capitanata, ma lo Stato c'è .



Non facciamo in tempo ad indignarci per i fatti accaduti una manciata di giorni fa a Vieste dove fu ucciso in pieno centro e davanti ai turisti  un commerciante , che dobbiamo ritornare su questi esecrabili fatti di stampo mafioso avvenuti oggi ( 9 agosto 2017) in provincia di Foggia tra le campagne di San Marco in Lamis ed Apricena  .
Si parla di quattro morti ammazzati.

Dal TGCOM

Era un boss della mafia del Gargano l'obiettivo dell'agguato in cui a San Marco in Lamis (Foggia) sono rimaste uccise quattro persone. Si tratta di Mario Luciano Romito, 50 anni, ritenuto dagli investigatori capo dell'omonimo clan e ucciso, mentre era in auto con il cognato Matteo De Palma, da un commando armato.
L'agguato è avvenuto nei pressi della stazione ferroviaria di San Marco. Romito, di Manfredonia, negli ultimi anni ha ingaggiato una vera e propria faida contro il clan dei Li bergolis di Monte Sant'Angelo, nel Gargano. In auto con lui, un Maggiolone, c'era il cognato che gli faceva da autista: anch'egli è rimasto ucciso sul colpo.
 Due contadini le altre due vittime - I killer avrebbero poi inseguito e ucciso le due persone a bordo di un Fiorino che si trovava nei paraggi in quel momento: si tratta di due contadini del posto che nulla avrebbero a che fare con il boss e il cognato. I due sarebbero stati uccisi semplicemente perché potevano essere dei testimoni pericolosi per i killer. Si tratta di due fratelli, Luigi e Aurelio Luciani, rispettivamnete di 47 e 43 anni. Fuggiti dopo il duplice omicidio avvenuto sotto i loro occhi, sono stati inseguiti e costretti a fermarsi. Sembra che uno dei due fratelli sia sceso dal mezzo ma, dopo aver percorso solo pochi metri, è stato raggiunto dai killer e ucciso.

L'agguato è avvenuto in un tratto di strada della provinciale 272 a pochissimi chilometri da San Severo e Apricena, due Comuni dove recentemente sono avvenuti diversi omicidi nell'ambito della lotta tra clan per la spartizione degli affari illeciti sul territorio.
......


A questo punto inutile dilungarsi nelle solite parole di circostanza.
La Mafia occupa gli spazi lasciati dallo Stato sempre più assente.
Finalmente pare che le Istituzioni si stiano interessando a questo fenomeno mafioso che attraverso 
questi omicidi evidenzia una lotta interna per il controllo del territorio.
Deve averla capita la drammaticità della situazione in provincia di Foggia  anche il Ministro Minniti che , a quanto sembra, sarà a Foggia nel primo pomeriggio di domani a presiedere una riunione del
Comitato Nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica. 
Ciò ha una grossa valenza : significa voler identificare quella che un tempo era destinata ad avere un ruolo marginale o locale , come un qualcosa di importante ed  emergenziale di interesse nazionale quindi di massimo interesse. Una risposta delle Istituzioni , anche se tardiva , c'è finalmente.

SV

Nessun commento: