Translate

giovedì 26 agosto 2010

Ricordare i morti civili dei bombardamenti di Foggia con un monumento, prescindendo da ogni " querelle".


E' apparso oggi un articolo sulla Gazzetta del Mezzogiorno dove il nostro concittadino scrittore ,appassionato di storia ,

Alfonso De Santis,pone in risalto quale dovrebbe essere il giorno delle celebrazioni relative ai bombardamenti su Foggia del 1943 da parte degli americani: il primo giorno in cui questi si manifestarono, cioè il 26 maggio.

Questa nota viene dopo che il 19 agosto ,in un altro articolo del più popolare quotidiano della nostra regione, pose l'accento dell'importanza di questa data ( 19 agosto) giornata con più morti , nell'ottica del ricordo e delle ceebrazioni di questo triste avvenimento.

Da tutta questa querelle ,che onestamente non mi appassiona più di tanto , si evince un dato inconfutabile : si è finalmente

ridestato l'interesse, il ricordo su questi avvenimenti. Possiamo parlare di date , possiamo disquisire sul numero di morti, l'importante è che se ne parli e che si ricordino degnamente con un monumento questi nostri fratelli concittadini, un qualcosa di concreto che rimanga ad imperitura memoria delle nuove generazioni che non dovranno mai più provare la crudeltà e l'obbrobrio della guerra.

mercoledì 25 agosto 2010

ROMA 25 Agosto 1960: ECCO I GIOCHI OLIMPICI.




Rivedo nella mia mente le immagini emozionanti di quelle giornate. Mio padre corse ad acquistare il televisore (ovviamente in bianco e nero).Ero un bimbo di 5 anni ma, nonostante la mia tenera età, fu un evento che mi coinvolse e che mi affascinò tantissimo. Era il periodo del boom economico e c'era un grande ottimismo nel futuro della nostra Nazione!
Come sembrano lontani quei giorni in cui molti italiani sognavano una vita migliore e meno disagiata. Ho letto l'ottimo editoriale di oggi sul Corriere della Sera di Beppe Severgnini che mi ha fatto riflettere e che finisce così:

"L'Italia del 1960 si sentiva una protagonista in cammino. I genitori faticavano pensando: i nostri figli staranno meglio. Nel'Italia del 2010 sappiamo tutti-padri,madri,figli- che la nuova generazione precarizzata starà peggio, e già ha bisogno di aiuto ( per la macchina, per la prima casa).
E' un ribaltamento innaturale : la nazione che lo accetta è nei guai"


(SV)

martedì 17 agosto 2010

Tempo di bilanci.


Dopo ferragosto, alla ripresa della routine quotidiana si fa un bilancio, sulle vacanze (lanciando le basi per la riuscita delle prossime) sul lavoro ( se c'è) che si riprende dopo una pausa,in altri termini ci si interroga e ci si sofferma su quello che è stato per affontare meglio quello che sarà. E' un momento particolare che a me piace molto anche se avvolto da una "timida malinconia";evidentemente questo particolare momento dell'anno rappresenta (in piccolo) il bilancio della propria esistenza, e sicuramente serve per ricaricarsi e per "ripartire" sempre con motivazioni nuove.Guai se così non fosse!


Salvatore Valerio

domenica 15 agosto 2010

La Madonna dei Sette Veli di Foggia.La nostra Mamma.


Dedicata alla Madonna dei Sette Veli di Foggia,testo in dialetto foggiano:




'A Mamme nostre

Staje sèmbe dinde'a quèlle nicchije d'orate,

nescijune te canosce, nescijune te vède,

'eppure...tutte i fuggiane te vonne 'bbène;

doje vòte 'a l'anne te mettime in mostre,

quanne te purtame, spalle spalle,

'nprecessione, pe'ù corse;

'a marze 'a prime vòte,

p'arrecurdarce d'e tand' anne fà,

quanne facije culle sòrte 'e terramote;

povere Foggie, quante delore 'e destruzzijone,

'e quanne 'a tèrre angòre tremelave,

tu appariste, 'e sule allore 'a tèrre se fermaje;

'a auste pe'a seconde vòte,

quanne ripa ripe 'e vija vije,

te ne turne 'ndrète 'a chijese tuje;

si, 'a chijese tuje, 'a San Tommase,

'ndò maje nescijune tà cacciàte,

'ndò maje nescijune tà sfrattàte;

tanne velute inde'a Chijese Madre,

pe forze, 'ndò stanne quille cù vestite rusce

'e cù scazzuppine 'ngàpe;

tutta gènde sopraffine!!!

chè quanne vanne arrète 'a precessione,

parene, tante fegurine;

ma tu stì fatte nen lè maje guardate,

sule 'u core 'e l'aneme dà gènde,

tanne sèmbe 'nteressate;

guarde 'o bùne 'e pure 'o malamènde,

vide 'o sane 'e pure 'o sofferènde,

staje accorte 'o dottore 'e pure 'o nullatenènde;

tu sije nà mamme juste,

sije 'a mamme, de tutte quande,

pe tè, tutte i figlije sò 'mburtànde;

inde 'a Chijese Madre, ciaspitte 'e ce chiame,

ma forse, nuje, nen te meretame,

pecchè, sule sotte 'e taccarate te cercame;

sule allore, citte citte, te pregame,

vicine 'a quella balaustre,

ku resarije 'mmane;

te cercame, guardanne inde 'a culle circhije nère,

chissà vedime 'a facce tuje,

quelle facce 'mmaculate 'e sengère;

perdonece, mamme, si te trascurame,

dacce 'a grazzije de cercarte sèmbe,

ku còre 'mmane;

i figlije, 'a mamme, nen 'zse'a scordene maje,

'e tu sije nà mamme speciale,

nà mamme bèlle assaje;

nà lacreme, d'ope nù chiante s'asciughe 'e mòre,

nù fiore nasce, eppò sassècche 'o sòle,

l'amore de'a mamme nostre pe sèmbe te console ;

te chiamene Cunavètre 'o Madonne d'i sette vèle,

pe nuje, sije 'a mamme nostre,

'a chiù bèlle dù munne indère;

'e quanne amme lassà stà tèrre,

'u jurne chè 'u Segnore decidarrà,

nà speranze sole ciadda accumpagnà:

d'abbrazzarte 'e de vedèrte inde 'a l'ucchije azzurre tuje

'e tra nà lacreme 'e nù surrise, putè dice...

grazzije mamme, grazzije, pecchè che te vède 'u paradise!



Da una lirica di Rosario Puzio




Rielaborata in vernacolo da : Salvatore Il Grande

venerdì 13 agosto 2010

Foggia:la festa della Madonna dei Sette Veli (15 Agosto)



Foggia e la Madonna dei Sette Veli : una festa sempre più sottotono.Specchio della crisi sociale , economica oltre che morale che la città vive da tempo.La città privata da anni anche della possibilità di usufruire della "chiesa madre",per poter degnamente onorare la Madonna Protettrice della città.Non ci resta che sperare che la Madonna ci continui a guardare con occhi misericordiosi prescindendo dalle nostre storture.
Ave o Maria...

mercoledì 11 agosto 2010

I lavori infiniti per il Duomo di Foggia.



Riporto dal web uno scritto datato gennaio 2010 a firma di Andrea Pastore:

......... Il Duomo della città di Foggia. Prima di approfondire lo scempio odierno un piccolo excursus sul passato di questa perla incastonata in un mare di letame che purtroppo è oggi il capoluogo della Capitanata. Anche questa affermazione è riscontrabile facendo una passeggiata tra le vie di quella che fu una delle sedi imperiali di Federico II ed oggi è sede di imperiale degrado e malaffare. Tornando al Duomo, o come con affetto lo chiamano i cittadini di Foggia “La chiesa madre”, quasi che a queste mura vogliano attribuire il ruolo protettivo di un secondo angelo del focolare che brucia nei loro cuori. La Cattedrale nasce nel 1170 su progetto dell’architetto Bartolomeo da Foggia, l’idea di creare un tempio nel mezzo di un’area all’epoca paludosa e malsana, fu legato al ritrovamento di una preziosa e per i fedeli miracolosa immagine di Maria, la Madonna coperta dai sette veli. Sebbene distrutta a seguito del terremoto del 1731 la Cattedrale, verrà ricostruita in stile Barocco, tale riedificazione non farà tuttavia perdere caratteristici ed ancora oggi visibili richiami allo stile architettonico Romanico, in modo particolare si possono apprezzare i prospetti in pietra squadrata scolpita, il prezioso cornicione con altorilievi allegorici che in epoca medioevale avevano il compito di dissuadere i fedeli dal compimento di azioni malvagie, nonché il portale San Martino e la cripta caratterizzata da meravigliose colonne. Il Settecento darà il suo contributo di magnificenza alla chiesa con l’innalzamento del campanile e la installazione interna di altari in sobrio stile Rococò, interessante è la presenza di marmi policromi e di altre realizzazioni artistiche di pregio dell’Arte Napoletana, molto in voga nel XVIII secolo. Come si accennava una vera perla, purtroppo non soggetta all’attenzione dei più in quanto avvolta da un clima di ignorante indifferenza.
Data una rapidissima scorsa al passato di questo Tempio della Cristianità, veniamo alle più amare cronache recenti. Da ormai più di un lustro sono in corso dei lavori di ristrutturazione che non trovano compimento per la cronica carenza di fondi, basata peraltro su di un rimbalzo di responsabilità tra Curia e Comune, eppure tutti e due questi organismi dovrebbero aver a cuore i destini di quella che è per le gerarchie ecclesiastiche la Cattedra da cui il Vescovo impartisce al popolo di Dio il suo insegnamento e per l’amministrazione comunale un simbolo di unione ed identità cittadina.
Evidentemente niente di tutto ciò interessa più, e così mentre i colombi con il loro guano fanno marcire ciò che i ristrutturatori hanno già sistemato e le intemperie scalfiscono i ponteggi di ciò che ancora deve essere messo apposto, i fedeli rimangono fuori dalla porta. In tempi di crisi economica ed in una città che perde terreno in campo sociopolitico potrebbe dirsi che questo è un affare di scarso interesse, secondo l’autore non è così poiché una società matura è forte ha innanzitutto bisogno dei suoi simboli forti, ed uno di questi in Capitanata è il Tavolo della Madonna dei Sette Veli, l’antica icona dietro il cui culto nacque la città e che all’interno del Duomo è custodita. Se si è persa la riconoscenza e la memoria dei riti e delle strutture che rappresentano la costituzione della comunità, dispiace dirlo, ma la comunità non esiste più. In questa situazione si potrebbero cercare responsabili o peggio ancora colpevoli. Allora si dica colpevoli tutti, colpevoli le amministrazioni comunali passate e presenti per la nota immobilità di cui si è già trattato, colpevole la Chiesa che non ristruttura casa propria e colpevoli tutti i cittadini che non hanno mosso e non muovono un muscolo per far sentire la loro voce, riprova di tale indifferenza un banale sguardo su qualsiasi motore di ricerca del Web, alla domanda “Quando finiranno i lavori di restauro della Cattedrale di Foggia?” L’imbarazzante risposta è che non c’è nemmeno uno straccio di tread che ne parli, non un remoto blog che si indigni. Cosa vuol dire? Che la questione non interessa a nessuno. Probabilmente non è vero, ma rimane il fatto che vi è un immobilismo imbarazzante, che è l’amara dimensione di quanto la città non sia compresa ed amata. Chiunque abbia la forza, la volontà, l’amore per il capoluogo della Capitanata e soprattutto per il suo Duomo faccia qualche cosa, anche solo ne parli insieme all’autore di queste poche righe affinché l’oblio non soffochi la bellezza, affinché l’ignoranza non schiacci la dignità.

"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

Il signor Andrea Pastore ha fatto bene a scuotere lo coscienze dei foggiani, però si tenga presente che il sottoscritto ha sempre denunciato le lungaggini nel recupero della cattedrale di Foggia e dei lavori tanto è vero che basta andare indietro nel post dell'agosto 2009 per trovare la mia denuncia già nel titolo del post.
Un fatto è certo: anche quest'anno la cattedrale non ospiterà la festa in onore della Madonna dei Sette Veli e per Foggia non è una cosa positiva.
Ma tanto ...ci stiamo abituando a tutto anche al peggio!
Speriamo nel contempo nello sguardo misericordioso della nostra Madonna ...

""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

Ad ogni buon conto ecco cosa riportava la Gazzetta del Mezzogiorno del 26 Aprile u.s.:

lo scorso 14 aprile, sulla Gazzetta Ufficiale, è stato pubblicato il bando di procedura aperta dell’appalto dei lavori di restauro conservativo e di adeguamento funzionale della Basilica Cattedrale di Foggia. Il testo integrale del bando è possibile consultarlo sul sito della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Puglia, all’indirizzo www.direzionebeniculturalipuglia.it. Entro la fine del mese di maggio si conoscerà l’impresa vincitrice dell’appalto mentre la ripresa dei lavori è prevista per il 15 giugno.

E’ opportuno ricordare che i finanziamenti per il restauro della Basilica Cattedrale di Foggia sono stati ottenuti grazie al lavoro svolto dagli enti locali, ed in particolare dall’Amministrazione comunale di Foggia e dall’Amministrrazione provinciale di Foggia. È del sindaco Gianni Mongelli, infatti, la decisione di optare nell’ambito dei finanziamenti da destinare al recupero dei beni culturali del piano strategico di area vasta «Capitanata 2020» i finanziamenti destinati al Comune capoluogo mentre è del presidente della Provincia, Antonio Pepe, la richiesta di finanziamenti nell’ambito del programma «Arcus» elaborato dal ministero per i Beni culturali. Insomma, i due maggiori enti locali della Capitanata non sono rimasti proprio fermi. Anzi, si deve anche alla loro decisione di avviare almeno il lavoro «stralcio» se riprendono i restauri della Cattedrale di Foggia, straordinario scrigno di architetture, d’arte e di storia del capoluogo e della Capitanata.


Non ci resta quindi che ...attendere.

Salvatore Valerio

lunedì 9 agosto 2010

Parafrasando (tra il serio e il faceto) Jean-Paul Sartre : la nausea


Nauseato da questa politica fatta solo di personalismi e nient'altro.
Una politica che parte dall'alto, e non dal basso.
Nascono sempre più nuovi contenitori politici, hanno un solo difetto :pochi pensano a riempire tali contenitori di... contenuti.
Ho la tentazione di star lontano da tutto ciò... mi preparo ...faccio la valigia, ho bisogno di riflettere.

(SV)

sabato 7 agosto 2010

I "finiani" e gli accostamenti con il Futurismo.


Pur avendo il massimo rispetto verso l'azione politica di Gianfranco Fini,
ritengo abusato il termine di Futurismo il quale fu un grande movimento
culturale che nacque in un contesto storico completamente diverso da quello
attuale.
Pertanto ritengo questo termine da dare a una corrente politica alquanto fuori
luogo, anche perchè il Futurismo non ebbe mai l'intento di fissare una linea
politica.
Per tale ragione è meglio che si lasci il Futurismo ai testi scolastici di
Storia, di Arte e Letteratura.
Non riesco a immaginare Gianfranco Fini e i suoi seguaci che affermano:
" La guerra è l'unica igiene del mondo"

Salvatore Valerio
Presidente Provinciale
Associazione Culturale Destra Razionale Sapere Aude - Foggia