Translate

sabato 27 novembre 2010

Si è spenta una città.(nota di pessimismo)


Oltre ai problemi municipali che ci costringono a camminare a Foggia di sera con la candele accese,
oggi ci si è messa anche l'ENEL.Pare che ci sia stato un guasto.
In molte zone di Foggia l'erogazione di energia elettrica è mancata per circa un' ora.
In altre zone c'è a "singhiozzo".
Ma cosa sta succedendo a Foggia ?
Si usava un tempo dire : Foggia, una città con luci ed ombre.
Adesso non ci restano che le ombre, anzi il buio in una città dove si allontana sempre più la luce di un futuro luminoso.

Salvatore Valerio

domenica 21 novembre 2010

Il coraggio e la sfida di Papa Benedetto XVI.


"Concentarsi solo sul profilattico significa banalizzare la sessualità.
Vi possono essere singoli casi giustificati, ad esempio quando una prostituta
utilizza un profilattico, e questo può essere il primo passo verso una moralizzazione,un primo atto di responsabilità per sviluppare di nuovo la consapevolezza del fatto che non tutto è permesso, e che non si può far tutto ciò che si vuole. Tuttavia questo non è il modo vero e proprio per vincere l'infezione dell'HIV"
Questo è un Papa che ha il merito di essersi soffermato su uno dei grandi mali contemporanei:
l'Eros inteso come una forma di nichilismo dissacrante.
La Chiesa ha avuto sul sesso posizioni severe e anche problematiche , quella del Papa
oggi è da considerarsi come una sorta di denuncia contro una società che fa inaridire ogni sentimento e che spesso considera l'altra persona come uno "strumento" in cui il sesso vada considerato solamente come un gioco.
C'è poi da considerare che il Papa fa tutto questo in maniera molto diretta e sobria,con molto realismo e poca dottrina. Qualcuno considera tutto ciò come una specie di pretesto per poter portare la questione di Dio come "disinnescante" lo scontro di civiltà.In effetti le altre culture del mondo sono e restano scandalizzate ed impaurite dal comportamento dell'Occidente, che prima ha diffuso il materialismo teorico attraverso il marxismo e ora esporta un materialismo pratico.
Per tale ragione risulta essere decisivo dare ragione della propria fede, che è pure dono di Dio, e saperla spiegare in modo razionale. (S.V)

venerdì 19 novembre 2010

La cattura del boss Antonio Iovine.Considerazioni.


Gli 'Italiani , si diceva un tempo, un Popolo di Santi, di Navigatori ed Eroi .
Da quando fummo definiti in questo modo ne è passata di acqua sotto i ponti!
Oggi il profilo degli Italiani è decisamente cambiato.
Siamo diventato un Popolo schizzofrenico e stancamente diviso su tutto!
Non ci si trova d'accordo a festeggiare tutti insieme neanche quando si cattura il Boss dei Casalesi ,Antonio Iovine, inserito nell'elenco dei 30 ricercati più pericolosi d'Italia.Ci si accapiglia su Roberto Saviano, sul Ministro Maroni sulle azioni del Governo definite ad "orologeria" da parte di qualcuno che si crede più intelligente di altri.
Dopo tutto queste cose, non possiamo gridare allo scandalo se scorgiamo il sorriso di sfida del Boss catturato, nelle foto dei giornali, dove il lettore distratto non riesce a percepire chi è il poliziotto e chi è il delinquente, tanta è l'allegria che il catturato infonde con il suo sorriso da persona (quasi) normale ; è il giusto atteggiamento di risposta a tutto questo clima paradossale di "tutti contro tutti" che stiamo vivendo in Italia, che ci fa perdere il senso alto dello Stato , delle Istituzioni.
Popolo strano il nostro, non trova neanche nella cattura di un delinquente un punto fermo, un riferimento per poter gioire indistintamente tutti!

Salvatore Valerio
Membro del CdA dell'Associazione Politico Culturale Indipendente
"Destra Razionale sapere aude"

domenica 14 novembre 2010

Elogiamo insieme a Sinesio la calvizie.


Se il nostro Premier Berlusconi avesse letto e condiviso le dotte argomentazioni del retore e vescovo del IV secolo Sinesio di Cirene, non avrebbe certamente rinunciato alle straordinarie virtù della calvizie, fra le quali, suprema, quella di rendere “l’individuo completamente calvo… l’essere più divino sulla terra.”
Conoscendo l’egocentrismo, tratto caratteriale molto evidente del personaggio politico in questione, risulta verosimile che si sarebbe rapato a zero altro che bandana e successivo trapianto!
L’Elogio della calvizie, se non un capolavoro assoluto, è un vero e proprio best seller dell’età tardo-antica. Un breve “divertimento” che oscilla tra l’intento consolatorio, presto lasciato cadere, e l’orgogliosa rivendicazione di una superiore e più autentica identità antropologica. A tal riguardo afferma: …tra gli animali i più sciocchi sono quelli completamente coperti di peli,mentre l’uomo che ha avuto in sorte il lume della ragione, è per lo più privo di tale coltre naturale. Tuttavia ha capelli e peli in poche parti del corpo. Chi poi è sprovvisto anche di pochi capelli, è rispetto ad un altro uomo, quel che l’uomo è rispetto ad una bestia”…
La calvizie-afferma Sinesio- è anche segno di saggezza, di integrità morale,perfino di buona salute; la chioma,invece di tutto l’opposto. Le prove a favore della sua tesi non mancano al retore, che abilissimo nell’arte della persuasione sostenuta dal cuore, ne trova di schiaccianti nella storia, nella filosofia, nella poesia.
A Voi non so ma a me stò Senesio mi stà simpatico assai ! Forse perché sono calvo?


SINESIO DI CIRENE (370-413 d.C) allievo della scuola neo platonica di Ipazia e Vescovo di Tolemaide.
Intellettuale acuto e pensoso (forse il motivo della calvizie?), scrisse opere che divennero dei “bestseller”
e che ancora oggi lo fanno ricordare come una delle personalità più interessanti dell’età tardo-antica.

mercoledì 10 novembre 2010

Foggia:11 novembre 1999.Una delle più tristi giornate mai vissute dalla città, dal dopoguerra in poi.




Crollo di Viale Giotto:67 morti.
67 innocenti, morti per l'incuria dell'uomo.
Una città stravolta, in lacrime.
La solidarietà di una intera Nazione.

lunedì 8 novembre 2010

Una bella nota di Alberto Mangano riguardante il nostro impegno per l'istituzione di un Monumento che ricordi la tragica luttuosa estate del 1943.


La lezione dei due "Salvatori".

In questi giorni, su Fb, siamo stati coinvolti in tante discussioni intorno ai problemi della nostra città che spesso sono sfociati in dure polemiche e che hanno determinato turpiloqui ed insulti. Si è parlato del ponte sul Cervaro, del dissesto al comune di Foggia, di parcheggiatori abusivi, di immondizia e di buche lungo le strade cittadine. Ma, stamattina, appena sedutomi davanti al pc, mi sono accorto che si era intavolata una discussione nel commentare una cartolina che io, tra le tante, avevo condiviso con voi amici. Bene, io volevo condividere con voi le mie emozioni, i miei ricordi, cercavo di “estorcervi” qualche notizia su un esercizio commerciale di allora, sui loro proprietari. Ed invece… scopro commenti di rabbia, di impotenza ma capisco da tutto ciò che questa fotografia vi ha toccato le stesse corde e che vi piange il cuore a vedere la vostra città com’era e confrontarla con quella che la stessa è diventata. Saranno le numerose primavere che ormai ci portiamo sul groppone, sarà forse che tutti ricordiamo la spensieratezza vissuta 30-40 anni fa, fatto sta che in un modo o nell’altro qualcosa dentro di voi si è mosso. Sapete cosa manca ai foggiani? L’orgoglio dell’appartenenza, l’incapacità di dire che amano la propria terra e che vorrebbero viverci loro e i loro figli e che mai vorrebbero fare come coloro che necessariamente hanno dovuto lasciarla per realizzarsi altrove. Mi permetto di dirvi ciò perché io in questi anni, con il mio modesto lavoro in rete, ho conosciuto gente che soffre per nostalgia, che lontano da casa ormai da anni mi scrive: “Quanto è bella la mia città, cosa non farei per tornarvici”. Bene allora cosa possiamo fare noi per migliorare la vivibilità di Foggia e cercare di offrirla ad un ipotetico turista che si affaccia dalle nostre parti? Dimentichiamo quel passato di polemiche sulle giunte che si sono susseguite e sulle cose buone e quelle meno buone che le stesse hanno determinato e voltiamo pagina. Evitiamo di esaltare le cose di Agostinacchio o quelle di Ciliberti dichiarandoci in tal modo faziosi e poco propositivi e guardiamo avanti, al futuro che si può costruire tutti insieme, animati e guidati solo dalla buona volontà, quella genuina , quella che non vuole chiedere il conto a nessuno. In questi giorni ci siamo impegnati affinchè venga realizzato un monumento per le vittime dei bombardamenti del 43: ci siamo visti, ci siamo confrontati, abbiamo girato la città, abbiamo tracciato un percorso. Oggi siamo 4, domani 7, dopodomani 50, tra due mesi 1000. Dovrà essere la città a rendere omaggio a quelle vittime. Signori così si spezza la catena della clientela; oggi per organizzarsi, per avere lo spazio, per fare non bisogna più rivolgersi al politico amico, al parente consigliere. Amici oggi il web affossa tutta questa gente se è vero come è vero che, scusate la immodestia, ma a Foggia sono conosciuto più io che tanti consiglieri. E sapete perché? Perché il sottoscritto, un giorno, ha deciso di prendere quella che è definita dalle nostre parti la “cavidarella” e ha cominciato a costruire dal nulla pur sapendo che nessuno gli avrebbe dato una paga, che non avrebbe avuto alcun ritorno. La gente non ci credeva che questo poteva succedere, ha sospettato secondi fini, voleva individuare il maledetto ritorno. Eppure il sottoscritto ha continuato, ha scoperto che insieme a lui c’era altra gente che, sacrificando il proprio tempo, la propria famiglia, alle volte il proprio lavoro, ha deciso di portare questa “cavidarella”. Cosa abbiamo concluso? Io vi rispondo che non ho ancora alcuna voglia di concludere e tirare le somme, voglio continuare avanti con gente come Salvatore Valerio e Salvatore Onorati che hanno dimenticato le proprie origini culturali e politiche, si sono seduti al tavolino e hanno deciso di lavorare, magari anche di essere criticati, ma di lavorare: che bella lezione ho imparato da tutti e due; si sono divisi per anni quando rivendicavano magari uno lo scempio delle Fosse Ardeatine e l’altro i Martiri Triestini. Oggi , in un abbraccio ideale, condannano quelle bombe, non interessa loro di che colore fossero, tutti e due insieme pensano a quei morti innocenti, quelli che sicuramente non hanno colore. Non vi preoccupate, non ci sono secondi fini, non sono imminenti le elezioni, nessuno ha bisogno di visibilità, stiamo solo cercando di restituire alla nostra comunità una memoria storica, vogliamo dare ai foggiani un’identità che vada oltre steccati che oggi non ci appartengono, che magari ci divideranno per altri motivi, ma non per il bene che vogliamo alla nostra terra. Vogliamo fare un altro esempio per quello che possiamo fare per la nostra città? Creare un comitato per guidare la toponomastica e dare una identità locale alle nostre vie, alle nostre piazze. A voi sta bene viale Europa, via Spagna, via Portogallo e non so se esista via Liechtenstein? Ebbene si può fare facilmente solo coinvolgendo la gente di buona volontà capace di riorganizzare la nostra storia e stabilire determinate priorità. Le idee non mancano ma bisogna partire perché le critiche al vento non portano da nessuna parte e anche se incontreremo ostacoli, anche se qualcuno avrà da ridire, noi potremo opporci dicendo che solo chi opera può sbagliare mentre chi non opera può solo arrogarsi il diritto di parlare sicuramente in modo improprio. Sapete perché penso che il percorso che può portare a costruire una nuova città sarà difficile ma non necessariamente impervio? Perché di gente come i due “Salvatori” che hanno deciso di incamminarsi insieme, io so che ce ne sono altri.

Alberto Mangano

domenica 7 novembre 2010

La sinistra italiana: tra nomi strani,strategie e fantasia


La sinistra conia un altro nome ed un 'altra strategia:dopo i girotondini,il popolo viola, ecco i rottamatori. Come è lontano il periodo della "fantasia al potere"!!
Adesso è solo fantasia!!! Il potere è ben lungi dall'essere conquistato.

venerdì 5 novembre 2010

Giovanni Papini.


«Si può entrare nel regno di Dio anche dal nero portale del peccato.»


Giovanni Papini